Home - Notizie - TERMOBUFFONIZZATORI – Come impastare verità e menzogne per “bruciare” soldi pubblici

TERMOBUFFONIZZATORI – Come impastare verità e menzogne per “bruciare” soldi pubblici

Gianluca Sassi

Gianluca Sassi

Da diverso tempo ormai assistiamo a sforzi immani da parte di diverse realtà del territorio reggiano per giustificare la gestione dei rifiuti attraverso gli inceneritori, non li chiamo termovalorizzatori perchè è un termine che si usa solo in italia nel resto del mondo non esiste.

Comitato “non porta a porta”
Confcommercio di Montecchio Emilia
Provincia di Reggio Emilia

Solo per citarne alcuni, ho assistito ad alcuni di questi “convegni” di assoluto carattere autoreferenziale dove non viene fatto alcuno sforzo per un reale confronto, al contrario, emeriti “scenziati” professori, specialisti, vertono tutti sulla teoria che l’incenerimento non è dannoso o quantomeno non è provato che lo sia, miscelano in modo non sempre abile, teorie sulle emissioni, ricerche sanitarie, nuove tecnologie dell’incenerimento, ecc.. cercando di dimostrare che gli inceneritori non sono poi così dannosi rispetto ad altre fonti inquinanti.

Il Prof. Ing. Buonanno ha paragonato l’emissione della diossina espulsa dagli inceneritori a quella generata durante la cottura della pancetta o della scamorza.

Il Sig. Furfari afferma che per abbattere le emissioni di CO2 è necessario tornare al nucleare e che gli inceneritori sono fonti di energia rinnovabile.

Applicate il PRINCIPIO DI CAUTELA!!!! anche l’amianto doveva essere eterno, ricordate l’eternit!!??

Questa “tecnica” di utilizzare i convegni e non i dibattiti, serve a dimostrare la democraticità di un percorso che, di fatto, ha una sola conclusione, l’inceneritore, non viene fatto alcuno sforzo paritario per confrontare altre tecniche di gestione dei rifiuti che, tra altro, sono già applicate in italia ed in altre parti del mondo con egregio successo, mi riferisco alla tecnica “Rifiuti Zero” o “Zero Waste” come dichiara Schwarzenegger ed Obama.

Una costante c’è in questi convegni, la presidente della provincia di Reggio Emilia, Sonia Masini, c’è sempre, giusto per “testimoniare” che stanno seguendo un percorso di “valutazione” delle tecniche disponibili, in realtà non ho mai sentito parlare da nessuno di questi politici o “esperti” di tecniche alternative a REALE impatto zero sull’ambiente, ma solo di incenerimento e nucleare, Spett.le Presidente della provincia di Reggio Emilia Sonia Masini, perchè allora non costruite l’inceneritore a Cavriago? magari gli attuali amministratori non aspettano altro che fare un bell’appaltone pubblico e “bruciare” soldi dei contribuenti, a Cavriago sono bravi a spendere grandi cifre per opere faraoniche, magari in prossimità del parco dello sport e vicino alla zona industriale così i rifiuti andrebbero dal “produttore al cosumatore” e l’aria la riciclano gli sportivi che respirando la purificano.
http://maps.google.it/maps/ms?hl=it&ie=UTF8&t=h&msa=0&msid=101909366203448139316.000467bb86a3b65efbcb6&z=14

Quale interesse poi abbiano i commercianti (attraverso la confcommercio) per organizzare un convegno sui “termovalorizzatori” al castello di Montecchio, vorrei proprio capirlo, mi sfugge il nesso.

Ricordate sempre che un inceneritore costa mediamente 200.000.000€, che non si sostiene autonomamente senza le quote dei CIP6 (parte delle vostre bollete ENEL che dovrebbero andare alle fonti rinnovabilie, per i quali siamo stati condannati dall’europa), che a gestirli saranno “imprenditori” quasi sempre privati, che non è dimostrato che facciano male ma che non è dimostrato nemmeno il contrario, non esistono filtri che trattegano le micro e nanoparticelle inquinanti, che il residuo di combustione è altamente tossico e prima di entrare nell’inceneritore non lo era e costa di più smaltirlo, che all’inquinamento dell’inceneritore esistono delle alternative sostenibili economicamente ed a livello ambientale.

Per concludere, non fatevi infinocchiare da questa pseudo-democrazia, è solo una illusione mediatica, la vera democrazia è confronto e critica, aspra o costruttiva che sia, ma che abbia come obiettivo l’interesse reale dei cittadini, tutto il resto sono SEGHE MENTALI!!!

Sfido qualunque forza politica o politco di mestiere a prendere una posizione chiara e definitiva sugli inceneritori:
PRO O CONTRO!?
Vediamo chi ha le palle per farlo prima della amministrative
assumendo che: CHI TACE ACCONSENTE!!!

Noi comunque siamo CONTRO!!! tanto per esse chiari e limpidi sino in fondo.

Gianluca Sassi
Lista civica
Cavriago a 5 Stelle

1 Commento

  1. i migliori, senza dubbio i migliori

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

}